Urologo a Brescia, Bergamo e Desenzano del Garda

HPV (papilloma virus umano) nel maschio

13 luglio, 2018 / Scritto da: dott. Alberto Gritti / Categoria: Senza categoria

Epidemiologia

Il virus dell’HPV è un virus che colpisce sia gli uomini che le donne.

La revisione sistematica effettuata da Dunne nel 2006 su studenti universitari, militari di leva, popolazione maschile sana sessualmente attiva ha evidenziato percentuali di positività variabili che arrivano fino al 45% della totalità della popolazione maschile.

Nei partner di donne con lesioni precancerose della cervice uterina (CIN) la prevalenza dei soggetti positivi è più elevata 50-70%.

Il tipo di HPV maggiormente rilevato è il 16 che costituisce da solo il 20-30%delle infezioni da HPV. Il tipo 16 è noto per essere un tipo virale a alto rischio oncogeni.

Incidenza dell’infezione e Clearance

Uno studio su una popolazione di 290 soggetti maschi di età compresa tra i 18 e i 44 anni è stata osservata una prevalenza complessiva del 30% e  una prevalenza periodale (in qualsiasi momento dello studio) del 52.8%

Sostanzialmente esiste una clearance del virus, ovvero una estinzione spontanea dell’infezione, tuttavia la presenza del virus resta altra nella popolazione generale evidentemente a causa di nuove infezioni che si susseguono quando si hanno nuovi rapporti.

Trasmissione sessuale

Dal momento che un gran numero di maschi sono portatori sani dell’infezione da HPV essi fungono da serbatoio di infezione nella popolazione generale.

Il rischio di infezione da un partner all’altro varia anche in funzione delle pratiche sessuali utilizzate.

La presenza del virus in entrambi i partner di una coppia non significa necessariamente che il virus sia stato trasmesso da un partner all’altro, ma può trattarsi di infezioni preesistenti. A conferma di questa ipotesi gli studi hanno dimostrato che all’interno di coppie la concordanza dei tipi virali tra i due partner è presente solo nel 64% dei casi.

L’asta del pene è la fonte principale di infezione per la cervice uterina e viceversa.

Anche l’ano femminile è sorgente e oggetto dell’infezione.

Nelle donne affette da CIN I (neoplasia cervicale intraepiteliale) le lesioni HPV sono clinicamente rilevabili solo nel 50 % degli uomini presi in considerazione dallo studio.

Trasmissione non sessuale

Il virus HPV è un virus ubiquitario (presente ovunque) e molto resistente, che sopravvive anche al di fuori di un ospite.

Ciò fa si che si possa trasmettere anche tramite contatto con un oggetto inanimato (una salvietta per esempio o un indumento).

La dimostrazione è data anche dal fatto che l’infezione può essere presente anche in donne vergini , bambini o individui che riferiscono di non avere mai avuto contatti sessuali.

Lesioni associate a virus HPV nel maschio

Premettendo che nella maggioranza dei casi l’infezione da HPV è asintomatica negli altri casi possono essere presenti lesioni che coinvolgono le mucose o la cute di prepuzio, pene, regione perianale, cavo orale, faringe e laringe.

Condilomi acuminati

Le manifestazioni sintomatiche più comuni sono delle lesioni genitali benigne dette condilomi.

I condilomi non sono pericolosi per la vita del paziente, tuttavia possono dare bruciore, dolore, sanguinamento e perdita di sicurezza e fiducia nel rapporto con il partner.

I tipi virali maggiormente responsabili dei condilomi acuminati sono HPV 6 e HPV 11 che provocano il 90% dei condilomi.

I condilomi generalmente insorgono dopo 2-3 mesi dall’avvenuta infezione e circa il 20-30% regredisce spontaneamente e in 1/3 dei casi tendono a recidivare.

Tumori HPV correlati nel sesso maschile

I tumori HPV correlati nel maschio sono localizzabili a livello penino, anale, boccale e orofaringeo.

La tabella sottostante indica le rispettive percentuali di questi tumori attribuibili al papilloma virus umano (HPV)

Cancro del pene

Il dna dell’HPV viene riscontrato in circa il 40-50% di tutti i cancri del pene (PIN, carcinoma squamoso, carcinoma verrucoso e carcinoma verrucoso basalioide)

Cancro dell’ano

L’HPV 16 è il tipo virale più frequentemente rilevato nei tumori dell’ano (87% dei casi).

I fattori di rischio correlati a questo tumore oltre ovviamente all’infezione da HP sono l’abitudine al fumo, i rapporti anali  e il numero di partner sessuali.

Cancro testa-collo

GUARDA TUTTE LE NEWS

ULTIMI ARTICOLI